20 Consigli per una Strategia SEO On Page Vincente

Consigli Seo

20 Consigli Seo

Indipendentemente dal fatto che viviate di internet o stiate appena per lanciare il vostro primo sito web avrete sentito parlare della SEO. SEO significa Search Engline Optimization (Ottimizzazione per i motori di ricerca) e comprende alcune tecniche molto utili a posizionare un sito web nei primi risultati di ricerca.
L’ottimizzazione delle pagine web se fatta bene può aumentare la visibilità di un sito sui motori di ricerca, anche se oggi le tecniche SEO non riguardano più solo le tecniche pensate per raggirare i motori di ricerca e i loro utenti.
Un fatto a conferma di tutto ciò è anche il continuo miglioramento e aggiornamento degli algoritmi da parte di Google, il che vuole fare in modo che solo le buone pratiche SEO vengano implementate sui diversi siti web, e di conseguenza offrire agli utenti contenuti di qualità.

Non importa se state per sviluppare un sito web per il negozio sotto casa, per un locale notturno o per un’impresa che fattura milioni all’anno: questi 20 consigli SEO on page devono essere implementati su tutti i website.

1. Struttura website chiara, pulita e aggiornata

La struttura del sito può essere il vostro miglior alleato quando si tratta del posizionamento sui motori di ricerca. Il modo in cui organizzate l’architettura del sito è importantissimo per la SEO e i vostri visitatori. I motori di ricerca passano attraverso la struttura dei link interni per trovare le pagine da indicizzare. Se il sito è ben strutturato, tutte le pagine, categorie e sottocategorie saranno facilmente trovabili e indicizzate dai crawler dei motori di ricerca.
Inoltre, una navigazione intuitiva aiuterà gli utenti a trovare quello che stanno cercando nel minor tempo possibile. La regola dei tre click afferma che le informazioni su un sito web dovrebbe essere disponibili per un utente in non più di tre click.

2. Url della pagina web

Quando create un sito web dovreste includere nella Url di una pagina le parole chiavi principali per le quali volete posizionarvi. Le pagine interne del vostro sito possono essere ottimizzate per parole chiavi diverse e il migliore modo per crescere la visibilità della pagina e concentrarsi su una parola chiave da includere direttamente nella Url.
Usate il trattino (-) al posto dell’underscore (_¬). Quando usate l’underscore Google legge tutto come una singola parola, questo significa che se scrivete “le migliori pratiche SEO”, verrà letta lemiglioripraticheSEO.
Molti sviluppatori non dedicano particolare attenzione al nome delle pagine web ma questo potrebbe essere un modo molto vantaggioso di accrescere la visibilità del sito. Non dimenticatevi di preferire un indirizzo web statico a uno dinamico. Cosi se avete una web agency al posto di www.nomesito.com/?p=111 usate www.nomesito.com/sviluppo-siti-web/, perché anche se i motori di ricerca leggono bene entrambi gli indirizzi, per gli utenti il primo è incomprensibile.
Prima di creare un sito web individuate le pagine interne e le keyword più appropriate e mantenete la Url breve, rilevante e descrittiva. In questo modo un visitatore può capire immediatamente di cosa tratta un articolo o una pagina e cosa può trovare in un particolare sito web.

3. Create un title tag per ogni pagina del sito

Un title tag descrive tutto ciò che riguarda il vostro dominio e offre un significativo valore extra agli utenti e ai motori di ricerca. È una frase che descrive il vostro spazio online e appare dappertutto: SERPs, social media e motori di ricerca. Il title tag dovrebbe essere breve, attraente e unico in modo da attirare l’attenzione di quelli utenti che sono il vostro pubblico di riferimento. Questo significa che dovete parlare la lingua degli utenti e presentare il sito in un modo che sia attrattivo per loro.
Quando create un title tag cercate di stare tra i 60 e 90 caratteri spazi inclusi, Google ne riconosce solo 70 cosicché cercate di non superare questo limite. Inserite nel title tag le keyword più importanti per le quali volete posizionare il sito, cercate di metterle all’inizio della frase e non dimenticate di assegnare ad ogni pagina un titolo diverso basato sulla parola chiave più rilevante per quella pagina.

Tag Title

Tag Title e Meta Description

4. Usate le meta description per presentare meglio la vostra attività

Le meta description sono un breve paragrafo che appare sotto il titolo nei risultati di ricerca. Questa funzione vi da la possibilità di presentare la vostra attività davanti agli utenti prima che quest’ultimo acceda al sito.
Le meta descrizioni dicono agli utenti se cliccare oppure no sul vostro sito, dovrebbero essere tra i 150-160 caratteri, includere le parole chiave più importanti di quella pagina, essere scritte bene, essere attraenti e diverse per ogni pagina.

5. Attributo title per la barra di navigazione

Create di più per facilitare l’usabilità del sito: l’attributo title per la barra di navigazione può essere un valore aggiuntivo per i motori di ricerca e i visitatori della pagina.
Aggiungete un attributo title per ogni categoria o sottocategoria nella barra di navigazioni è un modo da dare indicazioni più precise agli utenti su ciò che troveranno in una determinata pagina.

<a href=”http://www.nomesito.com/html/servizi.html” title=”Sviluppo Siti Web Responsive”>

Quando create un attributo title siate precisi in modo da dire agli utenti esattamente cosa troveranno nella pagina, usate 5 o meno parole, cercate di inserire parole chiave ma non forzate la cosa.

6. Attributo Alt per le immagini

Non dimenticate di utilizzare le parole chiave non solo nel contenuto del sito ma anche per descrivere le immagini. I motori di ricerca non leggono le immagini ma leggono il testo Alt. L’uso di un attributo Alt è necessario per aiutare i crawler dei motori di ricerca a capire ciò che un’immagine significa. Ed è opportuno usare parole chiave per descrivere meglio l’immagine.
Inoltre è importante mettere in grassetto il testo attorno all’immagine in questo modo i crawler capiscono che quella parte del testo è particolarmente importante per gli utenti.

7. Trovare le parole chiave più adattate

La SEO si basa sulle parole chiave. Una buona strategia SEO è trovare le parole chiave che gli utenti stanno utilizzando per trovare servizi/prodotti simili a quelli che voi offrite. Con una buona lista di keyword in mano avrete già fatto metà del lavoro.
Un modo molto utilizzato per trovare parole chiave è l’uso di Google Keyword Planner, che è uno strumento gratuito e disponibile per chiunque abbia un account Google Adwords. Una volta entrati potete mettere dettagli che distinguono il vostro sito in modo da avere a disposizione i primi suggerimenti di parole chiave. Selezionate le parole chiave più rilevanti dalla lista, che siano popolari tra gli utenti e abbiamo una competitività bassa o media.
La cosa difficile qui è che Google mostra la competitività basandosi sul numero degli annunci a pagamento che potrebbero essere totalmente diversi dai risultati di ricerca organici. Cosicché una buona idea è utilizzare altri strumenti per la ricerca di parole chiave oltre a Google Keyword Planner.

8. Mettete insieme differenti tipi di parole chiave

Ci sono tre tipi di parole chiave: per corrispondenza generica, corrispondenza estesa e coda lunga (long tail). Ognuna attira un tipo di traffico diverso e la strategia migliore e mischiare questi tipi di parole chiave.

  • Le parole chiave per corrispondenza generica non sono specifiche e sono molto generiche per es. sviluppo siti web, web marketing ecc. questo tipo di parole chiave sono molto competitive e non molto targettizzate.
  • Le parole chiave per corrispondenza estesa di solito forniscono un buon equilibrio tra traffico e rilevanza. Un esempio potrebbe essere “le migliori pratiche web marketing”; il traffico che arriva da queste keyword sarebbe così più targettizzato e gli utenti che visitano il sito potrebbero avere più possibilità di diventare clienti.
  • Le parole chiave long tail sono frasi lunghe che potrebbero essere anche proposizioni complete che gli utenti scrivono nella barra di ricerca. “Come sviluppare un sito web in un giorno” è un esempio di parola chiave long tail. Questo tipo di keyword non porta molto traffico ma gli utenti che attirano hanno molte più possibilità di diventare clienti.

9. Includete una location nelle parole chiave

Inserendo la location ottimizzerete le parole chiave per gli utenti locali e anche per le ricerche locali. Per esempio se offrite servizi di sviluppo web a Roma e la vostra attività opera a Roma è importante farlo sapere ai clienti potenziali inserendo la location nella parola chiave in questo caso sviluppo siti web a Roma.

parole-chiave-locali

Parole chiave per utenti locali

10. Comprendete la parola chiave nel titolo, sottotitolo e anchor text

Non ogni cosa presente sul sito darà alle vostre parole chiave la stessa visibilità e potenza in termini SEO, perciò i posti migliori, dove inserire le parole chiave sono il titolo, sottotitoli, sezioni in grassetto e anchor text.
Quando inserite un link al testo non usate sempre le parole “Clicca qui” perché è una frase molto generica è non offre alcuna informazione agli utenti su ciò che gli aspetta se fanno click e perdete l’opportunità di ottimizzare il link.

Ripetizione parole chiave

Ripetizione parole chiave

11. Inserite le parole chiave in modo naturale all’interno del testo

Quando usate le parole chiave all’interno del testo cercate di inserirle in modo naturale nel contesto della pagina senza strafare e riempire tutto il testo con parole chiave.
La pratica di usare molte volte le keyword all’interno di un testo si chiama keyword stuffing e a parte far sembrare il contenuto come spam lo rende non allettante per gli utenti e per i motori di ricerca, cosa che peggiorerà l’esperienza utente e il posizionamento sui motori di ricerca.

12. Cercate di concentrarvi su una parola chiave

È un’ottima strategia concentrarsi su una parola chiave invece che utilizzarne molte. Centralizzare i vostri sforzi su una parola chiave darà più forza alla vostra strategia SEO. Per fare questo ottimizzate il titolo e i meta tag con la parola chiave per la quale volete posizionare la vostra attività.

13. Quando iniziate con la SEO non trascurate il monitoraggio delle parole chiave

Se non monitorate il posizionamento del sito sui motori di ricerca e non seguite l’andamento di una determinata parola chiave nelle SERPs tanto vale smetterla di impegnarvi nella SEO.
L’ottimizzazione è un processo lungo che richiede impegno e monitoraggio dei risultati e quando si tratta di parole chiave dovete sapere quali funzionano per il posizionamento della vostra attività e quali no.

A-hrefs

A-hrefs

14. Pubblicate contenuto di qualità, attuale e ricco di parole chiave

Uno dei più importanti fattori SEO di oggi è il contenuto. Se servite agli utenti contenuto ricco e utile, testi scritti in ottica SEO e di qualità, i motori di ricerca posizioneranno il vostro sito più in alto nei risultati.
Per ricevere i migliori risultati dovreste anche aggiornare il contenuto quando è possibile, in modo che sia sempre attuale e mantenga alto l’interesse degli utenti. Inoltre non dimenticate di usare le parole chiave all’interno del testo ma non tanto da far diventare il testo ineleggibile e pesante per gli utenti.

15. Fate attenzione agli errori grammaticali

Un contenuto di qualità deve essere impeccabile e facile da leggere. Il testo deve essere privo di errori grammaticali e ortografici.
Dato che succede che gli utenti possano scrivere male una query nella barra di ricerca molte persone usano una tecnica non raccomandata e cercano di ottimizzare il sito anche per parole chiave scritte male in modo da attirare anche quelli utenti il cui punto di forza non è l’ortografia. Comunque una tecnica del genere potrebbe penalizzare il posizionamento del vostro sito.

16. Fate in modo che il contenuto che pubblicate sia originale ed esclusivo

È difficile far notare un sito web nella miriade di website esistenti e non esiste una formula magica per questo. In ogni modo i motori di ricerca valorizzano quei siti web che portano un vero valore aggiunto per i loro utenti.
Un sito che presenta contenuti originali ed esclusivi guadagnerà maggiore rilevanza nei risulta di ricerca. I motori di ricerca valorizzano quei siti che cercano di fare la differenza a offrire un vero valore aggiuntivo ai loro visitatori.

17. Create contenuti allettanti per il vostro pubblico di riferimento

Non tutti gli articoli e il contenuto di un sito web saranno apprezzati da tutti gli utenti della pagina. Il vostro sito apparirà di fronte a diversi utenti in tempi diversi e il vostro compito non è soddisfare le necessità di tutti gli utenti ma creare contenuti fatti su misura per le necessità dei vostri clienti.
Con in mente il vostro cliente ideale cominciate a creare contenuti che siano adatti e appropriati per la vostra audience di riferimento.

18. Sviluppate una strategia dei contenuti

Prima di iniziare a pubblicare contenuti sul sito dovete creare una strategia dei contenuti. In questo modo saprete non solo che tipo di contenuto e informazioni offrire ai vostri clienti ma anche quanto spesso pubblicare questo contenuto. Questo è particolarmente vero per chi ospita un blog all’interno del sito web.

19. Assicuratevi che il contenuto sia facile da leggere

Su internet le persone tendono a scansionare il testo piuttosto che leggerlo, per questo i vostri testi e contenuti dovrebbero avere una struttura chiara fatta di titoli, sottotitoli, parti in grassetto ecc.
Inoltre per rendere il contenuto più dinamico inserite immagini, esempi, infografiche e video per illustrare meglio il tutto. E non dimenticate di inserire le parole chiave all’interno del testo.

20. Attenti al contenuto duplicato all’interno del sito

Il contenuto duplicato, cioè quello che appare in differenti Url, non è apprezzato dai motori di ricerca e può influenzare molto il posizionamento del sito. Anche se a volte risulta difficile evitare il contenuto duplicato come può succedere per esempio sui siti e-commerce dove lo stesso prodotto può apparire in diverse pagine web.
In questi casi è consigliabile usare il canonical tag che segnala ai motori di ricerca quale pagina deve essere considerata come originale in relazione al contenuto duplicato. Inoltre potete utilizzare il reindirizzamento 301 per assicurarvi che la SEO juice sia diretta ad un indirizzo web e non venga spartita tra diverse pagine.
Per concludere speriamo che questi consigli vi possano servire per crescere la visibilità e migliorare il posizionamento del vostro sito web sui motori di ricerca.

Carmine Santoro

Carmine Santoro

 

Carmine Santoro: Ho scoperto Internet e le sue potenzialità dal 1994, risale al 1997 il mio primo sito Web. Dai primi anni 2000 mi occupo di SEO e WebDesign. Scrivo sul Blog aziendale con passione e mi aggiorno continuamente attraverso i principali siti di settore. Con la mia Agenzia digitale ho l’obiettivo di dare visibilità ad aziende e professionisti. Sito: www.webdomus.net

Ti è piacuto l'articolo? Lascia un commento

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *