Consigli Seo per ottimizzare un sito E-commerce

Ottimizzazione seo e-commerce

Ottimizzare un e-commerce

Siamo nell’ epoca dell’ esplosione della Seo e si assista ad una corsa più o meno ordinata nel tentivo di migliorare il posizionamento del proprio sito; su questo non vi è dubbio.
In questa competizione sfrenata un ruolo preminente lo giocano gli e-commerce, ovvero negozi online il cui obiettivo è, naturalmente, vendere il più possibile. Se una buona ottimizzazione Seo è alla base del successo di un qualunque sito, migliorare il posizionamento di un e-commerce può cambiarci la vita dal giorno alla notte; e non è una esagerazione.
Comparire ad esempio in prima posizione per una data parola chiave può voler significare attirare verso il proprio sito gran parte degli utenti interessati a quella chiave di ricerca; il passaggio dalla prima alla seconda posizione, per rendere l’idea, può portare all’incirca la metà dei visitatori che arrivano a chi ha conquistato il primo posto.
Una differenza che, come ovvio, diventa ancora più marcata dal terzo, quarto, quinto posto e così via.  E se tutto questo lo riportiamo, parlando di e-commerce, in termini di probabilità di vendere il proprio prodotto, diventa evidente come migliore è il nostro posizionamento e maggiori saranno le probabilità di far crescere il nostro business.
Un discorso piuttosto scontato ma che non tutti sembrano aver appreso; così come non desta stupore il fatto che molti proprietari, gestori o amministratori di siti e-commerce non hanno la benchè minima conoscenza in materia di Seo.

Perchè un sito E-commerce non vende?

Come discorso ci può anche stare, non essendo il loro mestiere; ma certo questo non aiuta a migliorare le loro vendite e porta spesso a porsi la fatidica domanda: perchè il mio sito e-commerce vende poco?
La risposta è naturalmente da ricercare in una serie di parametri, non tutti necessariamente legati alla Seo ma che possono avere a che fare anche con il tipo di prodotto che si sta vendendo, la concorrenza, la qualità del prodotto stesso, il prezzo e tanti altri fattori.
Quello che interessa in questa sede è naturalmente analizzare la questione dell’ottimizzazione Seo di un e-commerce focalizzandoci esclusivamente su questo aspetto. Ed allora, come si ottimizza al meglio un sito e-commerce? Fermo restando che non esiste una formula magica per conquistare con certezza la prima posizione dei risultati di ricerca (e se qualcuno ve la promette… probabilmente sta tentando di fregarvi), ecco una guida su come ottimizzare un sito e-commerce per migliorare il posizionamento.

Ottimizzare un E-commerce: scegliere le giuste parole chiave

E-commerce scelta keywords

Parole chiave per e-commerce

Ci sono diversi parametri da tenere in considerazione se si vuole migliorare il posizionamento del proprio sito e-commerce: primo tra tutti naturalmente, la scelta delle parole chiave. E qui arrivano i problemi.
Non è facile scegliere le giuste keywords del nostro sito ma è fondamentale comprendere che parte tutto da lì. Perchè intorno a queste parole chiave dovremmo costruire il nostro piano editoriale, ovvero la scrittura dei contenuti oltre che tentare il più possibile di aprire relative sezioni nel sito.

La scelta delle parole chiave è quindi indispensabile; deve naturalmente partire dal prodotto che stiamo vendendo, qui non si scappa. Ma conviene, soprattutto nel caso di settori altamente concorrenziali, tentare di lavorare sulle cosiddette long tails, o code lunghe, ovvero chiavi di ricerca specifiche composte da più parole.

Se ad esempio vogliamo aprire un sito che venda automobili usate a Roma, tentare di posizionarci con la parola chiave secca sarebbe un po’ come lottare contro i mulini al vento: ecco che allora conviene puntare su chiavi di ricerca specifiche, meno competitive e più dettagliatamente descrittive del nostro business. Siamo specializzati nella vendita di auto aziendali a gas o con impianti Gpl? Già abbiamo una possibilità di lavorare su una chiave di ricerca più specifica, una long tail composta da più parole, sulla quale andarci a posizionare.
Un altro ‘trucco’ è quello di tentare di intercettare le domande che gli utenti si fanno sui prodotti che vendiamo; come spiega bene Giorgio Taverniti in questo video tutorial sul suo canale Youtube, se ad esempio vendiamo libri online, considerando che sarebbe impossibile raggiungere la vetta sulla parola chiave secca (‘vendita libri online’, per l’appunto) possiamo tentare di capire quali ricerche fanno gli utenti su quei prodotti.
Magari cercano ‘i migliori libri del 2014’? O ancora ‘libri per ragazzi’ o ‘libri di un dato settore’. In sostanza tentare di verticalizzare il più possibile la ricerca. Dalla scelta delle parole chiave del nostro sito dipenderà il nostro successo anche in termini di vendite. Se saremo stati abbastanza bravi non disperderemo visite e saremo sicuri di andare a intercettare le tipologie di visitatori realmente interessate al nostro prodotto .

Come impostare l’ homepage di un E-commerce

amazon homepage

Homepage Amazon

Quando andiamo a impostare le pagine del nostro sito dobbiamo necessariamente partire dall’ homepage; che sarà un po’ il nostro biglietto da visita. Una homepage di un e-commerce deve essere il più possibile personalizzata lato utente. Un po’ come i grandi e-commerce, vedi Amazon.
Sarebbe opportuno far comparire nella homepage non soltanto le novità che inseriamo di volta in volta nel sito, ma anche i prodotti simili a quelli che l’utente ha guardato; prodotti consigliati in base ai gusti e preferenze del visitatore; oltre che quelli più venduti e apprezzati dagli utenti in generale. In sostanza non una homepage statica e sempre uguale, ma che sia il più possibile interattiva e personalizzata a seconda delle preferenze dell’utente che sta navigando il nostro sito.
Un altro aspetto fondamentale delle homepage è quello relativo all’ inserimento del tag Title; un errore comune è di inserire la descrizione o l’elenco di tutti i prodotti che vendiamo. Così non serve a niente. Capita di vedere e-commerce ad esempio di abbigliamento nel cui tag Title della homepage sono state inserite tutte le marche trattate (Lacoste, Ralph Lauren, Dior, Gucci, Prada ecc…); un lungo elenco delle marche presenti nel sito. Secondo voi questo è un tag title efficace?
Idem se si va a inserire la descrizione di tutti i prodotti venduti sperando così di attirare l’attenzione di Google. Anche qui il risultato sarà scarso. Il consiglio è di scrivere una descrizione accurata del prodotto, del perchè l’utente dovrebbe acquistarlo, di quali sono i reali punti di forza, peculiarità e vantaggi rispetto ai competitors.
Sono questi i primi consigli su come ottimizzare un sito e-commerce dal punto di vista Seo; in un prossimo post andremo a spiegare altri aspetti fondamentali quali le schede prodotto, le immagini, i contenuti duplicati, architettura del sito e altri parametri.

Ti è piacuto l'articolo? Lascia un commento

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *